Storia penace di Gennaro Grieco

grieco.jpg
Gennaro Grieco, Storia penace (pref. De Luca) Genesi Editrice 2008

L’incipit
Quando andò fuori di cranio non c’era ombra di testimoni, non c’era. Nemmeno uno straccio di prova che desse certezza del fatto. Niente. Uno zero virgola zero di niente.
Certo, per qualche tempo circolarono delle voci. Ma non erano roba seria, non fecero presa. Solo sfiati, si diceva, fottutissimi pettegolezza buoni solo a dare spago ai cervelli bacati e alle lingue pendule di perdigiorno senza arte nè parte. O sussurri fessi, si diceva, come quelli delle bocche incredibili del mucchio di donne -oh quante donne, quante!- che si era portato a letto.
Proprio così si diceva. Sì: proprio.

Dalla quarta di copertina
Questo non è un racconto. E tantomeno un romanzo. Questa è una storia.
Sì, certo, parole. Ma le perole sono tremendamente importanti, sono; aiutano a inquadrare un problema, a prenderne coscienza. C’è mica da scherzare, c’è!
Si comincia da una parola appena: uno ci pensa su e ne vengono poi altre: prende dunque a scavare, usandone il significato che solo in apparenza a volte si nega: quandi passa piano piano a capirci qualcosa: e via, un approdo che valga alla fine si trova.
E’ una storia.
Di uomini -anzi, di un uomo che, come tutti insieme – e di donne.
Qundi pene.
Quindi della vita (e della morte), quindi del mondo.
E tanto basta -non occorrono nomi, nè di luoghi nè di persone: siamo tutti nella fuffa. (G.G.)

L’autore
Gennaro Grieco (Rionero in Vulture, 1953) vive tra Torino e provincia. E’ laureato in Pedagogia (indirizzo sociogico) e ha avuto esperienze di lavoro diversificate. Poeta già affermato, autore di diversi librei, ha di recente raccolto la sua trentennale esperienza con la poesia nel volume complessivo Apprendimento di cose utili, Genesi Editrice 2007.
Se si eccettua un breve racconto uscito nel 1998 in una pubblicazione premiale colettanea, con Storia penace è al suo esordio come narratore.

Riferimenti sul web
www.gennarogrieco.it
http://gennarogrieco.wordpress.com

Annunci

9 risposte a “Storia penace di Gennaro Grieco

  1. saluto Gennaro Grieco che ho incontrato per la prima volta ad Offida, per la premiazione del Rabelais 2007.Che bella serata!Per me anche molto sorprendente. Ora ritrovo suoi scritti ovunque, forse perchè li “leg(g)o” ad un volto?Grazie del lavoro che propone, un caro saluto, fernanda ferraresso

    Mi piace

  2. Eccomi, Mapi. E grazie, grazie di tutto (avevo già visto, naturalmente). Spero più in là di poter contribuire con qualche post ad hoc (mi par di capire che ne ho facoltà).

    Saluto con vero piacere Fernanda: grazie per la testimonianza e davvero tanti complimenti per l’esito del Rabelais. Di quella che tu giustamente ricordi come una bella serata, resta traccia in due o tre post sul mio blog, come ad es. questo:

    http://gennarogrieco.wordpress.com/2007/12/06/faccio-i-premi-per-portare-la-moglie-a-spasso/

    Ho, tra le altre, una foto che ti ritrae con Ruffilli all’atto della premiazione. Non è delle migliori (per via dello zoom), ma se t’interessa posso inviartela. Basta che lasci un commento (e quindi necessariamente l’indirizzo email) sul mio blog (e così salviamo la privacy e scacciamo lo spamming – non ne posso davvero più…).

    A presto,
    gennaro

    Mi piace

  3. ti ringrazio moltissimo per la premura. Sono passata al sito e ho letto, in fondo credo siano pochissime le tracce quest’anno. Gog & Magog, che un tempo curava l’evento, non esiste più e dunque nemmeno i testi, delle edizioni precedenti e di questo, non sono più rintracciabili.Il mio indirizo è comunque visibile in VDBD, di cui mi pare tu pure faccia parte. Passo dal sito, e lì poi troverai ciò che serve per comunicare. Un caro saluto,fernanda.

    Mi piace

  4. Per Fernirosso e per Gennaro Grieco.
    Premio Rabelais edizione 2002.Ero tra i 10 finalisti premiati.
    Concorso “ISABELLA MORRA” Valsinni 2007 1° classificato.
    Docente lucano in cerca di visibilità.
    Ho postato in bacheca qualcosa.
    Avrò il piacere di una visitina?

    Mi piace

  5. Gent.ma Gergina Busca Gernetti, credo che per la sua richiesta debba rivolgesi direttamente a Gennaro Grieco (ha un blog personale). Noi non sappiamo davvero come come poterle essere d’aiuto e neppure le motivazioni che sono alla base del suo disappunto. Cordialmente lo staff di LucaniArt

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...