“Tunnicchje” un Pinocchio che parla in dialetto lucano


Assunta Finiguerra, TUNNICCHJE, A poddele d’a Malongne, Interpretazione lucana di Le avventura di Pinocchio, Lietocolle 2007

Pinocchio non amava i libri, ma il libro di Pinocchio è un classico che da sempre non manca in nessuna libreria per ragazzi. Tra i libri più letti e più popolari al mondo, si contano a tutt’oggi centinaie di traduzioni in versi e in prosa, da quelle in lingua straniera, a quella in lingua latina (per opera del famoso latinista fiorentino Ugo Enrico Paoli) a quelle dialettali: rivisitazioni del libro in forma locale-popolare nei più svariati  idiomi italiani della penisola, dal napoletano, al bolognese, al calabrese, al bresciano, etc.

Oggi, grazie alla originale e libera interpretazione della poetessa Assunta Finiguerra, anche la Basilicata ha il suo burattino di legno, scavato da Maste Peppe in un “ceppone de quire”. La scrittrice sanfelese, infatti,  ha da poco terminato Tunnicchje, A poddele d’a Malonghe” la traduzione delle Avventure di Pinocchio di Collodi in vernacolo lucano, per i tipi della LietoColle. Un formato album di 165 pagine, impreziosito da otto originali tavole a colori, illustrate dal pittore Francesco Mario Tumbiolo.

Ng’ere na vote…
-Nu Re! – Hanna dì subbete i turzille ca nu domane m’hanna legge.
No guagliù, avita sebbagliate. Ng’ere na vota nu piezze de lèvene…
(dall’incipit)

Un lavoro durato due anni, racconta l’autrice, che su suggerimento di Pier Maria Tommasino, ha intrapreso questo viaggio nel mondo della fiaba di Collodi a ritroso nel tempo della memoria e dell’infanzia, scoprendo quanto la forza e la potenza della materia linguistica del dialetto, sia radicata nel suo DNA e nella sua storia di vita personale.

In questo lavoro di tra-duzione/re-interpretazione Assunta Finiguerra “agisce all’interno del testo, traduce e non sconvolge l’intreccio -scrive Pier Mattia Tommasino nella prefazione – rispetta la lettera e allo stesso tempo reinventa lo spirito della favola, attraverso la vulcanica e floreale naïveté della sua poesia“. E vere e proprie illuminazioni poetiche, attraversano e accendono la fiaba, grazie a nuove re-invenzioni narrative,  similitudini, intercalari, proverbi e aneddoti lucani: “Quanne ha repegliate i sienze, s’è sedute nderre cu nause ca le pessciaje cume na fundana e l’uocchje falbe fascienne accuwature sotte a re zìzzele, arrevandete janghe p’a paure”;  “U muare era cchiù lissce de nu specchje de cristalliere”.

Sono circa circa cinquanta i personaggi che  si muovono sulla scena del libro, alcuni nomi restano fedeli alla narrazione, altri sono fantasiosamente reinventati, ma tutti (uomi e animali) sono identificati e riconosciuti con un sostantivo proprio,  allora la volpe diventa “Retelle”, il gatto “Janussce”, il merlo bianco “Luiselle a Ciole”, il Serpente  “Petruzze u Serpendale”. Lo stesso Pinocchio, il burattino che faceva disperare Geppetto, prende il curioso nome Tunnicchje “-Che nome le pozze mette? U vulesse chiamà Tunnicchje. Na vota canusscije na famiglia sane ca se chiamaje accusì: Tunnicchje attane, Tunnicchje a mamme e Tunnicchje i figlje, s’a passanne discretamende, stacienne desciune na vota a settemana”.

E Tunnicchje è anche A poddele d’a Malonghe, cioè la farfalla della Malonga (un bosco lucano di San Fele) a simboleggiare il carattere leggero, sognatore e farfallone del burattino collodiano, che corre di qua e di là attratto dalle luci e dai colori. Ma, come scrive F. M. Tumbiolo in una nota finale: “la faralla è -anche- un perfetto rimando metaforico alla storia di Pinochio (che da burattino diventerà ragazzo)”.

Un Pinocchio-Tunnicchje, dunque, che si muove in un mondo fiabesco, in cui sono ricoscibili i boschi, le campagne, i paesi, le tradizioni e le usanze popolari della Basilicata. Una storia interpretata e re-inventata con la forza,  la sicurezza e la penna “maestra” di Assunta Finiguerra, da cui trasuda poesia,  passione e amore per la vivacità e l’ingenuità tra-sognata del burattino collodiano: “Cume ere da rirre quanne ere nu pupuazze de lèvene! E cume só cundende ósce de esse arrevendate nu guaglione ngarne e osse e cu a chiocca a pposte! A vite è accussì: quanne a bburze a bburze, quanne a vvòle a vvòle”.  

Maria Pina Ciancio 

Recensione apparsa su IL SIRINO
Periodico lucano di informazioni, cultura e sport
Anno XII- n.3/4, marzo/aprile 2008
in "Cultura" p.10
Intersezioni
LucaniArt intervista la poetessa lucana Assunta Finiguerra 
Annunci

2 risposte a ““Tunnicchje” un Pinocchio che parla in dialetto lucano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...