DIARIO/ “Del tempo e dell’eterno” di Vincenzo Verrastro

a cura di Valeria Verrastro

Vincenzo Verrastro (Avigliano, 6 maggio 1919 – Potenza, 9 agosto 2004), è stato il primo Presidente della Regione Basilicata (13 ottobre 1970 – 23 marzo 1982).

Considerato il “Padre” di diversi cambiamenti, in qualità di uomo di cultura, di economia e di politico, con incarichi di presidenza per 7 anni alla Provincia, dodici alla Giunta Regionale, con una parentesi di due anni al Senato, Vincenzo Verrastro segna alcune delle fasi più significative della Basilicata, affrontando problemi fondamentali come quelli della terra, dell’occupazione, della casa, delle opere di civilizzazione. Grazie alla “riforma agraria” riesce a dare risposte, rendendo praticabile il territorio, mediante una serie di concessioni per gli accessi. Si rende promotore di un disegno di legge per l’istituzione dell’Università di Basilicata e per la rivitalizzazione della Deputazione di Storia Patria per la Lucania, di cui diventa presidente dal 1972 al 1994. Alla guida del Mediocredito regionale, si mostra puntuale e preciso, coerente e duttile, attento alle novità ed al confronto. Le pagine di diario, pubblicate da Congedo Editore in una elegante veste grafica e corredate da una vasta documentazione fotografica, sono precedute dalla presentazione dell’on. Giampaolo D’Andrea e dalla introduzione, seguita da una nota biografica, della figlia Valeria, da cui traspare tutto l’amore e la tenerezza filiale. Esse ripercorrono il periodo che va dal 1970 al 1981 e danno uno spaccato della vita politica, sociale ed economica di quell’epoca: la nascita della Regione, la crisi della Democrazia Cristiana, le trasformazioni del comunismo internazionale, l’attacco delle BR al cuore dello stato, le perduranti condizioni di inferiorità del Sud. Come mette in evidenza il Prof. Preziosi “vi è una caratteristica che percorre tutte le pagine del diario: la scelta di riflettere, di lasciarsi interpellare dalla realtà che lo circonda, sia per i grandi scenari sia per le dinamiche personali che l’agire politico porta con sé.” Si nota un atteggiamento culturale e spirituale di apertura verso gli altri, anche verso gli avversari politici, verso i quali si mostra benevolo, senza pregiudizi. Molteplici sono gli interrogativi che Verrastro si pone nel voler coniugare la politica con la carità, mentre fa l’amara esperienza delle divisioni e delle contese, delle “regole” che la politica porta con sé. “Del tempo e dell’eterno” é un libro che offre l’opportunità per conoscere l’uomo, i suoi drammi interiori, la ricerca dell’autenticità cristiana, le sue sofferenze, i suoi affetti, la storia del movimento politico dei cattolici relativo al secondo dopoguerra, in particolare lo studio della DC, del suo ruolo nella modernizzazione dell’Italia e nell’alfabetizzazione democratica della Basilicata. Oggi, in realtà, c’è la latitanza di un pensiero politico cristianamente ispirato dalla dottrina sociale della Chiesa. Ciò che manca è l’opera laicale fatta con piena responsabilità da credenti chiamati a tradurre gli insegnamenti del Vangelo in proposte politiche mediate con competenza e offerte al consenso. La testimonianza di Vincenzo Verrastro, educatore politico dall’alta spiritualità, uomo esemplare per chiarezza di idee, sincerità di azione ed attualità, è davanti a noi non solo perché costituisce un tratto di storia, ma perché ci invita a proseguire su quella strada per servire il bene comune con generosità e altruismo, traendo alimento “per una politica che, attraverso una forte ispirazione etica e spirituale, si riappropri della sua dimensione più autentica ed originale”. Il diario invita, dunque, alla conoscenza, alla meditazione, alla ricerca interiore, sollecita ed offre prospettive di solidarietà. Ne è un esempio il ricavato della vendita del volume che sarà utilizzato per finanziare i progetti di sviluppo promossi dal sacerdote Ambrogio Atakpa in Togo.

Del tempo e dell’eterno. Pagine di diario di Vincenzo Verrastro (1970-1981), Congedo, € 20,00

Teresa Armenti

Advertisements

Una risposta a “DIARIO/ “Del tempo e dell’eterno” di Vincenzo Verrastro

  1. suppongo che nn sia un grande libro. una figlia che pubblica il diario del padre, assenza d critica e di pessimismo cmq stimo ed pprezzo la figura di vincenzo verrastro ultimo grande politico lucano, senza dimenticare il grande emilio colombo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...