Passaggio paesaggio di Mariano Lizzadro

Testo selezionato dalla Commissione di lettura  al Concorso Letterario “Volti e luoghi di Basilicata 2008″ (sez. Poesia).

Mostra immagine a dimensione intera

In queste diaspore e transiti
passaggi di rabbia e di vite
e nenie da sussurrare
radicate a questa terra
da arare nelle zolle rosse
e solchi assetati di giustizia
quanto dolore c’è?
Era il grillo verde morto
per un gioco d’infanzia
o la tristezza di un tramonto
a morirci l’anima?
Dalle siepi di rovi
poi nascono le more

Mariano Lizzadro, Potenza 1972

Advertisements

2 risposte a “Passaggio paesaggio di Mariano Lizzadro

  1. Uno scatto e riprendere ancora una volta l’angolo sofferente. Cercando ancora la partenza, il passato, perchè non si vede l’arrivo. Una serratura arrugginita, e un’uomo che cerca la chiave per riaprire porte. Infine spine ma non rose, almeno una speranza viola e nera. More.

    Mi piace

  2. Non ho mai amato parlare di poesia e questo da prima che nascessi ed ancora prima di sempre, poi figurati di quello che scrivo: ridicoli suonaversi, note e parole

    Mariano Lizzadro

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...