Un ricordo di Assunta Finiguerra, poetessa dialettale dal verso coraggioso e appassionato

finiguerra2 settembre 2009

Di Assunta mi mancherà la voce e le telefonate (mattutine soprattutto) fitte fitte di condivisione di vita, più che di poesia e di letteratura. La mia neve era la sua neve. Così come le prime belle schiarite di primavera. Perché i nostri paesi, così abbarbicati sui crinali interni dell’Appennino Lucano, avevano in comune l’altitudine e l’esiguo caparbio perdurare della vita. L’affanno e la fatica di difendersi dal freddo e dal vento sferzante che frusta e batte l’anima talvolta, insieme al corpo. “Ha nevicato stanotte!” “Qui abbiamo 20 centimetri di neve e continua a fioccare!” oppure “comincia a cedere il ghiaccio, sai?”, “anche da me le temperature sono salite, ma appena un po’, avrei voglia di uscire e passeggiare lungamente…” mi diceva. E la nostra poesia era dentro il raccontarsi le giornate, la quotidianità talvolta scarna ed essenziale, fatta di piccole cose e di silenzi. Fierezza e tenacia dentro una fragilità d’anime. Resistenza riconosciuta. Bisogno di andare sempre oltre e sorridere di una battuta gergale o di un verso che Assunta inaspettatamente improvvisava, quando il tono si faceva troppo greve e anche la vita a volte. “A volte provo odio-amore per la mia terra, ma nonostante i sentimenti conflittuali di cui parlo, alcuni miei versi non sono altro che un canto d’amore verso di essa: … sope a panze na nzerte de fiure janghe / de quere amata terra putendine …sul ventre un serto di fiori bianchi / della mia amata terra potentina… Sono sicura che tutta la mia poesia nasca da questo terremoto interiore”. E’ uno stralcio dell’intervista sulla poesia, che Assunta mi rilasciò nell’autunno di due anni fa per lucaniart*. E lo fece per lettera, come una volta, perché non amava il computer, se non per ricopiare i suoi versi. Negli ultimi tempi soprattutto, dalla sua casa di San Fele in provincia di Potenza, comunicava attraverso il filo di un telefono. Di amici ne aveva tanti Assunta. A Roma, a Milano in tutta Italia. Le volevamo bene ovunque, come ad una sorella.

Nelle poesie che mi spedì nell’ottobre del 2007 (edite  in rivista), volle farmi condividere la malattia attraverso l’anima dei versi. Scoprii, leggendole, la terribile ed estenuante lotta che portava avanti contro il cancro. L’abisso interiore e devastante che le lancinava terribilmente il petto “è grande è grande è grande/ l’abisso in cui mi sono ritrovata/ è cisterna di olio per una formica/ la giungla indiana per un merlo cieco” . E ne amai la fatica. La forza interiore (quella che cercavo anch’io come figlia per mia madre).

Assunta l’avevo conosciuta nell’estate di tre anni fa, e dalle letture di alcuni versi (Scurije acquistato presso l’editore LietoColle, ed altre poesie sparse sul web e in rivista) me l’ero figurata, chissà perchè, una donna dura,  dal carattere caparbio, distaccato e inaccessibile. Quando la incontrai, mi abbagliò una cascata di capelli rossi e ricci che coronavano una figurina di donna esile ed energica, emozionale ed allegra. Gesticolava enormemente Assunta, con le mani, il viso, gli occhi. Visitammo insieme una mostra fotografica di Pier Paolo Pasolini, esposta in una sala del Palazzo ‘Giustino Fortunato’ di Rionero in Vulture, poi restammo in giro con amici fino a tardi.  Quella sera comprò degli orecchini ad un banchetto e ci coinvolse tutti nell’acquisto. Amava i monili, quelli artigianali soprattutto. Al braccio portava un braccialetto “porte-bonheur” con tanti piccoli cornetti tintinnanti di colore rosso corallo.

Il giorno successivo, prima della partenza,  passammo a salutarla nella sua casa di San Fele. Ne fu felice; voleva cucinarci gli spaghetti e che restassimo. Visitammo insieme il paese dentro i vicoli, poi ci spostammo in un punto esterno, distante e panoramico. San Fele ci era di fronte, tutto, una cascata di case bianche, con la luce che scorreva a fiotti sui tetti e per le strade.
Da allora ci siamo sentite spesso. Non le piaceva parlare della sua malattia, non le piaceva la retorica, né il pianto o il vittimismo, solo alla poesia –che le fu riparo e dono-  affidava il peso del suo tormento – solitudine (come lei stessa  ebbe a scrivere qualche anno prima in una nota).
Ma a qualche altro si era affidata Assunta: “quanne venghe preparateme nu liétte / nde pozze dorme tranguille e aspette / u juorne d’u giudizzje aunite a vvuje” (Amelia e Anna, Marina e Sylvia/ quando verrò preparatemi un letto / che possa dormire tranquilla e aspetto / il giorno del giudizio insieme a voi).

E a noi piace pensare e sapere che sarà felice così, tra i poeti che amava e quell’angelo di fronte all’albero di casa, a cui  un  tempo chiese custodia e riparo nei suoi versi…

Maria Pina Ciancio

# in alto Assunta Finiguerra 2007  (foto di M.P. Ciancio)

Annunci

6 risposte a “Un ricordo di Assunta Finiguerra, poetessa dialettale dal verso coraggioso e appassionato

  1. Pingback: Un ricordo di Assunta Finiguerra, poetessa dialettale dal verso coraggioso e appassionato | Feedelissimo·

  2. grazie Mapi per questa pagina, un ricordo vivo e appassionato, caro come solo si può scrivere alle persone care
    appena letto ho pensato quanto sia importante conoscere, incontrare gli autori di alcuni versi, forse non è casuale averli scoperti, poi seguiti, amati
    la loro voce al telefono si unisce ai loro testi, si confonde, ci arricchisce, è per sempre

    Elina

    Mi piace

  3. L’ho scritto anche nel blog,mi dispiace di non averla incontrata realmente:solo nei suoi testi e la sua parola ha un timbro forte, un colore dentro, acceso, impossibile non sentirla in sé.
    Sono davvero costernata pre questa evoluzione, rapida mi pare, anche se, ancora una volta, ci rende l’evidenza che nessuno di noi può condurre il gioco e il viaggio,ed è una attestazione contro il luogo comune di una giovinezza costruita in clinica.
    Qui di fatta e rifatta, con le unghie e la passione c’era una presa di posizione, una consapevolezza piena di quanto la vita porta, ivi compreso il dolore, che non si può allontanare ma vivere con pienezza, con tutta la carica che si ha in corpo. Penso che, quel letto, glielo abbiano senza dubbio preparato come sperava. f

    Mi piace

    • Grazie, grazie assai per questo articolo in ricordo di Assunta.
      Non l’avevo mai conosciuta personalmente. L’avevo però ‘quasi’ conosciuta l’agosto dell’anno scorso, durante un premio letterario a San Fele. Assunta era nella giuria. Lei alla premiazione non c’era stata. Mi avevano detto che l’avanzare della sua malattia non glielo aveva permesso. Mi resta l’eco dolce di chi mi bisbigliò nell’orecchio che Assunta aveva amato molto il mio libro e la mia scrittura. Ci siamo conosciute soltanto attraverso la parola e la poesia. Ma fra poete, forse, questo è abbastanza. Ciao Assunta, riposa serena. La tua poesia continuerà a parlare di te, e per te.
      Daniela

      Mi piace

  4. dal tuo tracciarne i passi, mapi, e dagli altri graffiti su questa donna,conosco poeta della sua terra e terra essa stessa.
    e questo è un modo per farla riposare tenendola qui, coi suoi amici, con la gente a cui dona l’animo.
    api.

    Mi piace

  5. Rimpiango la poetessa Salfelese FINIGUERRA, che nel dialetto ha portato lo sciame delle sue angosciose
    contraddizioni o delle sue domande difiicili e senza risposte sociali.
    Una poesia che ha cercato l’originalità modificando lo squallore quotidiano della lucanità,
    con la sua patina di vite perdute, tanto che è giunta a ricelebrare un Pinocchio che è il non-umano che diventa utopia di rigenerazione e di educazione per una generazione di gioventù arsa dall’alcool e dalla droga, resa dipendente dalla politica autoritaria e superomologante.
    Da tutto ciò la Finiguerra era uscita, urlando verso diversi dal quotidiano eppure che si sorreggevano
    tutti di un eloquio comune. Lei entrava ed uswciva dal dialetto, problematizzando la sua vita.
    L’esasperante ricerca del successo, che poi un poco ha trovato,ne hanno minato le forzse ed impedito un raccoglimento ancora più approfondito, ma diamine è una poetessa più importante di Isabella di Morra e molto più di Aurora Sanseverino.
    Sta ai lettori continuare a farla vivere, insieme all’indimenticabile e più intellettualmente operoso Vito Riviello, che anche qui saluto. ANTONIO LOTIERZO

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...