La casa Editrice Lietocolle pubblica un inedito di Finiguerra Assunta – FANFARIJE”

dalla prefazione di Franco Loi

… si tratta di qualcosa di più disperante e travolgente d’una passione carnale: sono gridi dal fondo di un pozzo senza uscite, sono lamenti a volte imploranti a volte blasfemi spesso autoflagellanti di chi è faccia a faccia con la morte. … una specie di premonizione apocalittica non meno struggente….

Qual è la fonte di vita? Dio? La carne? Il sesso? Siamo al confine tra la bestemmia e la protesta. Eppure questa fonte si annuncia con una litania che attesta la condizione umana religiosamente più ortodossa, e la ripetizione in chiusura sembra quasi una preghiera: è l’ombra che affila il coltello, anche se respira in mano alla fonte. Vengono in mente le interpretazioni pagane e manichee sulla “doppia faccia” del dio.

Una delle qualità di Assunta è quella dell’autoironia. C’è una specie di distacco anche dal dolore più terribile…..

È per me particolarmente difficile scrivere queste righe. Sì, perché “non fa più luce la finestrella / i mandarini hanno perso il profumo“. Non sono nemmeno sicuro che queste sarebbero state le dizioni definitive. La morte ha interrotto il suo lavoro. Giacché il lavoro sulla natura dello sguardo si fa prima, e il lavoro di rifinitura si fa dopo. Ma Assunta non ha avuto tempo. “Stracca mi sento e avviata alla pazzia (…) e col mio sangue dipinge il tramonto” scrive in inizio e chiusura di due strofe. Tuttavia permane in questa sua poesia la luce del suo talento: “Restate qui… non mi lasciate sola / c’è la morte che m’aspetta col forcone (…) Restate qui… non mi lasciate sola / calmate questo dolore che mi mangia / come un verme da mattina a sera // e di notte quasi sempre vince lui”  – dalla prefazione di Franco Loi

(Assunta Finiguerra, FANFARIJE, Collana Il Graal, LietoColle 2010)



Assunta Finiguerra
di San Fele (PZ) è mancata il 2 settembre 2009.

Ha vinto numerosi premi tra cui il “Giuseppe Jovine” il “Premio Pascoli” e finalista al premio “DeltaPoesia”.

Suoi testi poetici sono apparsi su Pagine, Periferie, Poesia, Lo Specchio, L’Area di Broca, Capoverso, Ciemme, Gazzetta Ufficiale Dialetti, Incroci e in diverse antologie fra le quali: Nuovi Poeti Italiani a cura di Franco Loi, Einaudi Editore.

Nel 2006, all’Università la “Sapienza” di Roma, Alessia Santamaria ha discusso una tesi sulla sua poesia, relatore Ugo Vignuzzi.

Pubblicazioni:

  • Se avrò il coraggio del sole (Basiliskos 1995);
  • Puozze Arrabbià (La Vallisa 1999);
  • Rescidde (Zone Editrice 2001);
  • Solije (Zone Editrice 2003);
  • Scurije (LietoColle 2005);
  • Tunnicchije – A poddele d’a Malonghe – Interpretazione lucana de Le avventure di Pinocchio (LietoColle, 2007);
  • Fanfarije (LietoColle, 2010) che comprende Rescidde, Solije e 78 testi inediti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...