Asp: a Venosa sensibilizzazione su salute mentale

Organizzata dall’Associazione Familiari Anti-Stigma “Alda Merini” giovedì 16 dicembre, alle ore 20.30, la “Serata di Sensibilizzazione sulla Salute Mentale”. Sul palcoscenico del Cinema Teatro Lovaglio di Venosa sarà di scena la poesia, la danza e la musica in omaggio alla poetessa Alda Merini. L’iniziativa si inserisce nell’ambito di una campagna di informazione sulle problematiche collegate al disagio psichico, che mira soprattutto a promuovere la lotta al pregiudizio e allo stigma in quanto fattori di emarginazione sociale.
Nel corso della serata, condotta da Lillino Covella, si esibiranno allievi e maestri della Musicacademyvenosa .
Brani tratti dall’eleborazione teatrale “Dalla follia alla vita” di Mariano Lizzadro, ispirato dal “Diario di una diversa” di Alda Merini saranno recitati dall’attrice Tonia Bruno. Farà da sfondo il video realizzato dall’Associazione dei Familiari “Dal manicomio alla legge 180”.
In programma anche una performance di danza degli allievi della “Scuola di Arte Danza Basilicata” con coreografie di Pierluigi Manca e Carmen Vella sulle tematiche dell’amore e della follia. Brani e poesie di utenti dei Servizi di Salute Mentale saranno interpretati da studenti del Liceo Classico “Q.Orazio Flacco” di Venosa e da appartenenti all’Associazione. Nel corso della serata il Presidente dell’Associazione, Michele Bigotti, illustrerà obiettivi, strategie e programmi dell’Associazione Familiari Anti-Stigma “Alda Merini”.
L’iniziativa di sensibilizzazione prosegue con incontri sul tema “La scuola contro il pregiudizio sulle malattie mentali” con gli studenti delle terze e quarte classi delle scuole medie superiori, organizzato dall’Associazone in collaborazione con il Dipartimento salute mentale-Ambito territoriale Venosa e la Caritas diocesana e che si terranno venerdì 17 presso l’Iiss Battaglini di Venosa, e sabato 18 a Lavello nella Sede degli scuole medie superiori. Questionari sul pregiudizio sono già stati consegnati agli studenti, che saranno coinvolti anche in un bando di concorso, che verrà presentato nel corso degli incontri.
Nell’ambito dell’attività di sensibilizzazione gli operatori della Centro di Salute Mentale di Venosa hanno allestito presso la Galleria d’Arte 25-Piazza Orazio- Venosa una mostra di pittura antologica “UnicaMenteinsieme” , che sarà inaugurata dal maestro Carlo Massimo Franchi alle ore 19.00 di venerdì 17 e rimarrà aperta fino alle ore 21.00 di domenica 19.  (G.O.)

fonte
http://www.basilicatanet.it/basilicatanet/site/Basilicatanet/detail.jsp?sec=1005&otype=1012&id=542377

3 risposte a “Asp: a Venosa sensibilizzazione su salute mentale

  1. mi permetto di segnalarvi l’articolo del prof. Amabile dell’Università Sapienza di Roma, spero possa esservi utile. Di seguito riporto il testo completo. Rimango a disposizione per ulteriori informazioni. Saluti, dott.ssa Sara Bardelli

    Università Sapienza: a Neurologia si studia un nuovo metodo di diagnosi posturale che lavora con luce normale

    Lombalgia, cervicalgia o più in generale mal di schiena. Chi non ha mai avuto a che fare con questi problemi? Spesso essi sono il risultato di difetti di postura. Ma cos’è la postura?
    Risponde il prof. Giuseppe Amabile, professore ordinario e primario di Neurologia, dell’Università Sapienza di Roma. “La postura è l’assetto che assume l’organismo, nelle sue diverse parti, all’interno dello spazio, in funzione della situazione gravitaria. È il risultato di molteplici fattori: stimoli esterni, posizione e funzionalità di muscoli, legamenti, articolazioni, ma anche organi di senso quali vista e udito, e non bisogna dimenticare l’aspetto psicologico”.
    La postura è un fenomeno complesso, sia statico che dinamico. “L’approccio terapeutico e riabilitativo ai problemi posturali deve essere olistico, ossia deve tenere conto non solo del sintomo, ma deve andare a cercare tutti i possibili fattori alla base di essi, e per arrivare a questo risultato – prosegue il prof. Amabile – è fondamentale un lavoro di equipe tra i vari specialisti”. Per ricercare le cause di un qualsiasi problema alla colonna, ma non solo, vengono effettuati alcuni esami di routine come la radiografia, la tac e la risonanza magnetica. Ma, afferma il professore: “Sebbene essi siano utili, forniscono immagini statiche di un fenomeno che è dinamico e, oltretutto, costringono il soggetto esaminato ad assumere, durante l’esame stesso, una posizione innaturale al fine diagnostico”.
    Al fine di agevolare il lavoro dello staff medico, è di recente introduzione anche alla U.O.C C del D.A.I di Neurologia e Psichiatria diretta dal prof. Amabile, un nuovo strumento di diagnosi e monitoraggio, la spinometria formetric. Cosa permette di fare e cosa distingue questa metodica dalle altre tecniche di diagnosi per immagini? “È uno strumento pratico, semplice da usare e decisamente sano, poiché utilizza la proiezione di normali bande di luce alogena sul dorso del paziente e non i raggi X”. In pochi secondi permette di avere l’immagine tridimensionale sia in statica che in dinamica del dorso, ricostruendone il modello della colonna. Ciò è rilevante dal momento che il paziente rimane nella propria posizione naturale. Uno strumento come questo è importante non solo per individuare problemi al tronco, eterometrie degli arti inferiori, deficit muscolari, ma è importante anche in campo neurologico. “Tutta la prospettiva dell’approccio riabilitativo passa inevitabilmente anche attraverso il sistema nervoso; in numerose patologie del sistema nervoso si hanno delle alterazioni posturali; la possibilità di valutare quantitativamente tali alterazioni è di fondamentale importanza per favorire possibili interventi volti a ridurre l’ effetto di tali squilibri sul paziente.
    Quali possono essere i vantaggi ottenibili dall’introduzione di una simile metodica? La spinometria non sostituisce la radiografia perché, lavorando con luce normalissima, non consente di mostrare la morfologia ossea. Però questa metodica permette di ottenere una tempestiva diagnosi: è rapida, sicura, tridimensionale, ripetibile. Permette di verificare l’effetto di qualsiasi ortesi, quali occhiali, bite o plantari, e “perfino di effettuare studi di verifica sulle mutazioni della postura prima e dopo la somministrazione di un determinato farmaco neurologico”.
    Il prof. Amabile si è sempre interessato di Riabilitazione; non a caso è stato il primo Presidente del Corso di Laurea in Fisioterapia in Italia e continua in questa veste ad organizzare seminari e Masters: da oltre 10 anni organizza all’ Università Sapienza di Roma, un Master di Posturologia e più recentemente un Master in Valutazione e Rieducazione delle Disfunzioni Visuo-posturali per gli specialisti del settore. Conclude il professore: “Una corretta postura è il presupposto di un buon funzionamento di tutto il sistema corporeo”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...