POETANDO/ Rubrica di poesie sulla poesia (4)

In quel transito notturno, improvviso, viscerale ed ermetico, dal silenzio alla voce, sono germogliate da sempre mille domande e interrogativi sulla poesia, eppure “ciò che in fondo desidero/ da una poesia/ è/ che possa essere letta/ lentamente/ che si possa invecchiare/ tra una parola e l’altra”. Ecco una delle tante, belle e significative idee di poesia, quella di Goran Tunstrom, ma di seguito riporteremo i testi di alcuni amici poeti del nostro tempo, che hanno raccolto la provocazione e che con piacere hanno contribuito ad arricchire il dibattito.

Il rapporto tra poesia e scienza di Roberto Maggiani

Abiti una casa fatiscente
nel centro di Sintra
e non t’importa
se per il mondo
i poeti usano il tuo nome
e con il tuo nome
si vestono di gloria.

Ti affacci alla finestra
nel mattino azzurro di luce
silenziosa,
se non v’è nessuno che ti veda
scendi le scale e passeggi assorta
nel giardino malmesso
attenta alle variazioni del reale.

Dove s’appoggia il tuo piede
la sua forma crea labirinti
e pozzi imperfetti e amari
dove i poeti
cadono spersi,
ma non io che non sono poeta
ma scienziato
e ti parlo per tua gioia
di quel mondo così piccolo
o così lontano –
di atomi o stelle.

tratta da Scienza aleatoria, LietoColle 2011

4 risposte a “POETANDO/ Rubrica di poesie sulla poesia (4)

  1. Ringrazio Maria Pina Ciancio, per avermi inserito, in compagnia di tre poeti che ho qui letto e le cui poesie ho trovato affascinanti, Marina Minet, Gina Labriola e Aldo Ferraris, in questa rubrica di poesie sulla poesia. Un caro saluto e grazie dell’ospità a questo bel sito.

    Mi piace

  2. “attenta alle variazioni del reale”: mi sembra esattamente lo sguardo del poeta e, che io sappia, può appartenere anche ad uno scienziato.

    Mi piace

  3. La poesia va più in là della scienza, e la scienza, allo stesso
    tempo, comprende in sè stessa la poesia, ed è per questo che l’una
    arricchisce l’altra; così che Roberto Maggiani può dire di
    sè di non essere poeta, ma scienziato, componendo, intanto, versi
    di una bellezza contemplativa e visionaria toccante, e ricorrendo
    alle figure dell’allegoria e della metafora, che sono la
    quintessenza della poesia stessa. Il padre della poesia italiana,
    il nostro Dante, è un poeta-scienziato, anche Galileo Galilei lo è
    e molti filosofi come Platone e Vico.
    Roberto costruisce pazientemente questa unità sul filo della meraviglia e della gioia.

    Mi piace

  4. un esempio di dialogo tra poesia e scienza, in questo bellissimo testo di Roberto Maggiani.
    anch’io ho formazione scientifica, accanto aquella umanistica(sono biologa) e so per esperienza che la sfera scientifica è davvero una miniera, una splendida ricchezza aggiuntiva di suggestioni e linguaggio- per chi scrive in poesia.
    a conferma dell’intesa tra i due mondi, ricordo la frase dell’astrofisico David Barrow:”nessuna descrizione non poetica della realtà potrà mai essere completa”
    un caro saluto
    annamaria

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...