Fedro e la giustizia – Dodici favole tradotte in dialetto lucano da Teresa Armenti

  

Siamo in casa di Teresa Armenti, scrittrice lucana di Castelsaraceno, di cui è appena stata stampata una plaquette su “Fedro e la giustizia ” con dodici favole tradotte in dialetto lucano, che l’autrice declama agli amici di LucaniArt.
Di seguito un assaggio delle sue favole tradotte:

*

‘A vorpa e ‘a cicogna

‘Nu iurno, cumma vorpa ìia girenno a biasina

e si vulìia rivertә cu’ primu ca passava.

Scundrau ‘na cicogna e li ress’:

-Cummà, da cché tembo nun t’aggio visto!

Veni addov’ a me, ca ni facimo ‘na bella mangiata!”

‘A cicogna, assai cundenda, ìhu addov’ a vorpa.

Questa li prisindao ‘nu broro findo, ‘nda nu piatto lar’ho, lar’ho.

‘A pov’redda ‘u uardao sulu, cu’ l’occhi spalangati

e s’inni turnao senza ru tuccà,

cu’ ‘na fam’ ca nun ci viriia,

ma mend’ sua ress’:

“T’aggia rà ‘a ritenna!”.

Passau ‘nu picca ‘i tembo

e venn ‘u turnu soio:

‘A cicogna fec’ ‘u mmito ‘a vorpa,

ma li riho eriva tagliata a picca a picca

‘ndà nu cùcumu cu coddo stritto.

Edda si sazziava e ‘a vorpa liccava sulu ‘a creta

e si nni turnao,

ca cora ‘nda li yamm’

e li cann’lluzzi ‘nanzi a l’occhi.

(Teresa Armenti, Fedro e la giustizia, Dodici favole tradotte in dialetto lucano, Collana “I Saggi,  a cura dell’Associazione Culturale LucaniArt, ottoobre 2012)

Annunci

4 risposte a “Fedro e la giustizia – Dodici favole tradotte in dialetto lucano da Teresa Armenti

  1. Pingback: “Salotto letterario”a Castelsaraceno | LucaniArt Magazine·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...