Tre poesie di Marco Piliero

Gli anziani

Stanno ormai fermi
Sulle sedie e sugli usci
Attendendo una voce
Che chieda di loro.
Un nipote, un amico, un.forestiero.
Han cura di serbarsi
Nelle memorie degli altri.
Cercano l’ultimo bagliore
D’immortalità.

*

Il raccolto

Il campo è maturo.
È tempo di raccolto.
Sacchi di grano
Colore dell’oro.

Il vecchio arranca.
Li porta in groppa.
Crucco sotto il peso,
Lo fermo
E mi carico il sacco.

Dentro, fra il grano,
Ci sono forza, pazienza,
Fatica e dedizione.
Metto in spalla
L’eredità sua
E del suo tempo.

*

Craco

M’addentro
Per le tue scale
E stradelle.
Nelle case.

Mi avventuro
Nelle spirali
di gusci vuoti
Di lumache.

Le anime migrate
Altrove.

Vado via
Anch’io.

Ti lascio,
Bel presepe
Passato il Natale.

*

Marco Piliero è nato nel 1993 a Stigliano, piccolo paesino in Basilicata. Vive a Bari dove studia Giurisprudenza all’Università “Aldo Moro”. Coltiva nel tempo libero l’amore per le lettere in tutte le loro forme (celiosa, impegnata, civile, post-moderna e in slang tecnologico). Si interessa anche ad altre forme creative come la
fotografia.

Advertisements

Una risposta a “Tre poesie di Marco Piliero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...