Aspetta ancora un po’ di Gerardo Acierno

Infinite penombre sopra spicchi
di seminata umanità spruzzate
su terre scoscese dove forconi
hanno lasciato segni rossi e neri:
Eboli è più vicina. Dicono.
Eppure segreta ribolle la Trisaia,
doppia suona la battuta a Melfi,
mafie vicine spaventano rocche
e borghi tranquilli, troppo tranquilli:
aspetta Basilicata, aspetta…

Vite confuse di fede e silenzi
sciolgono speranze in figli spenti
mentre oro nero e verde parco
ingrassano maiali in doppiopetto.
Squallidi parolai s’infilano
potenti nei nostri rari presepi
a rimestar la fuffa e calano
serrande, sfumano mestieri:-E tu?-
Aspetta ancora un po’, vorrei veder
sorridere la mia gente. Finalmente.

Gerardo Acierno

(Pignola, Basilicata)

Advertisements

4 risposte a “Aspetta ancora un po’ di Gerardo Acierno

  1. Pingback: Aspetta ancora un po’ di Gerardo Acierno » SalernoRSS·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...