Marina Minet vince il I° Premio al Concorso Internazionale di Poesia “Versi in Lucania” 2014

marina minet
Si è aggiudicata il Primo Premio con l’inedito la poeta sarda Marina Minet al Concorso di Poesia tenutosi nella sala consiliare del Municipio di Noepoli in Basilicata l’8 agosto 2014.
La premiazione, organizzata dall’Associazione Culturale Arte Barocco, in concerto con l’APT di Basilicata e il Comune di Noepoli è stata presentata dal saggista e giornalista Antonio BARBALINARDO vicepresidente della Fondazione Carlo Perini e da Rocco BASCIANO presidente dell’Associazione Culturale Arte Barocco; erano presenti tra le autorità il Sindaco di Noepoli Domenico ESPOSITO e il Direttore Generale  dell’APT di Basilicata Gianpiero PERRI.
La poesia premiata per la sezione A, poesia in lingua è “Ciò che non dimentico” un testo con riferimenti agli insegnamenti e alle tappe più significative della vita della poeta.

Ciò che non dimentico, di Marina Minet

Ciò che non dimentico è il tutt’uno d’ogni grembo
i miei figli appena nati e i miracoli del cielo
accostati nel confronto.
Le mie colpe appese al vero -tutte quante
esiliate in fondo agli occhi
come piante prosciugate

Ciò che non dimentico è la gloria d’ogni gesto
la fatica di mia madre e il suo cammino
disegnati intorno ai fianchi
quasi esempi di perdono

Ciò che non dimentico è lo sguardo di mio padre
le sue braccia stanche e fiere come aquile ferite
e la resa dei suoi occhi, ingabbiati dalla morte
in due spazi differenti

Ciò che non dimentico è l’assenza d’ogni santo
la giustizia addormentata accanto ai sassi
senza glorie né sconfitte
e le fughe sotto i passi dei vigliacchi

Ciò che non dimentico è l’inverno del pensiero
giacimenti di deserti raggrumati fra le vene
dove il riso perde il volto
tralasciando la speranza

Ciò che non dimentico è la sera che rassetta
fossa e fonte d’impressioni coltivate in mezzo al petto
e stagione venerata.
La scalata delle stelle sul mio capo
qual riverbero scoperto dolce unguento

Ciò che non dimentico
è la meta dell’amore
il suo albero diviso fra due frutti contrastanti
(il corpo per i rossi
e il cuore per i bianchi)
mescolati dal giudizio che combina l’intelletto
dopo secoli caduti al suo daffare

Ciò che non dimentico è la cura che ringrazio
l’intenzione del domani come incognita promessa
e il Tuo nome ripetuto come un salmo

(maggio 2014)

val sarmento, marina minet

MARINA MINET, il cui vero nome è Teresa Anna Biccai, nasce a Sorso, in Sardegna, nel 1967. La sua scrittura rivolge un’attenzione particolare ai tormenti dell’esistenza e alle naturali inquietudini che segnano e contemporaneamente arricchiscono l’anima. Ha pubblicato le seguenti monografie poetiche: “Le frontiere dell’anima” (Liberodiscrivere® edizioni, 2006), “Il pasto di legno” (Poetilandia, 2009) , l’ e-book “So di mio padre, me” (Clepsydra Edizioni, 2010) scaricabile on line, “Onorano il castigo” (Associazione CulturaleLucaniArt, 2012). Fra le altre pubblicazioni ricordiamo i romanzi collettivi al femminile “ESTemporanea”(Liberodiscrivere® edizioni, 2005) e “Malta Femmina” (Ed. Zona, 2009), il poemetto in prosa-poetica “Perdono in supplica d’impronta esangue in monologo d’augurio al pasto” (da Amantidi – Vittime, MagnumEdizioni, 2006). Un suo racconto per bambini è stato pubblicato nella raccolta antologica “A mezz’aria”(Liberodiscrivere® edizioni, 2006). Il racconto “Metamorfosi nascoste” recentemente è stato pubblicato nell’antologia “Unanimemente” a cura di Gabriella Gianfelici e Loretta Sebastianelli. (Ed. Zona, 2011). Da anni si occupa, inoltre, di divulgare la sua passione per la poesia, attraverso l’ideazione e la realizzazione di interessanti “video poetry”.

(foto in alto di Marina Minet, Val Sarmento 8 agosto 2014)

Advertisements

Una risposta a “Marina Minet vince il I° Premio al Concorso Internazionale di Poesia “Versi in Lucania” 2014

  1. Vive congratulazioni per il meritato riconoscimento alla poetessa sarda, che ha fissato la sua dimora in terra lucana e con il suo sguardo profondo e indagatore riesce a catturare le pieghe rugose dell’animo e le fa uscire allo scoperto, rivestendole di lucidi scintillii.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...