Luna bianca al mattino di Rosa Rivelli

Memoria e verità di un plurale femminile nella poesia di Rosa Rivelli

10322734_10204557514967982_3688034540368581664_n

E’ dedicata alle sue sorelle, donne come lei, più o meno fortunate dalle piccole gioie desiderate o derubate, questa raccolta poetica, con cui Rosa Rivelli inizia il suo cammino poetico condiviso.

La sua poesia germoglia tra i tanti silenzi di vita, tra quei graffi dell’interno che tante donne mogli/madri/bambine si portano dentro, in questa società in cui vive imperante il mito carnefice del “maschio” (del dio Maschio) inventato dai maschi perché “non c’erano donne/ quando un’allucinazione concepì/ senza orgasmo il suo condannato”, colui che con l’imbroglio e la menzogna, con la prepotenza e la forza ha derubato per sempre la loro gioia del cuore “mai più infanzia, mai, muoia nelle sacrestie,/ nessun essere si immagini/inchiodato nudo di abbandono”.

Resta in ascolto Rosa Rivelli. In ascolto di un mondo che la circonda fatto di storture e sofferenze, mancanze ed assenze, imparando a riconoscere “l’odore della belva/ pronta ad azzannare”, senza dimenticare “la luce del sole nell’azzurro/ che si è appena svuotato di neve”.

C’è denuncia dentro i suoi versi, richiesta di attenzione e di rispetto per quella dignità “femminile plurale” presa a morsi dalla vita, ma anche bisogno forte di sorellanza, di richiamo alla tenerezza, alla bellezza rarefatta e onirica del sogno dai gesti semplici e rari, come semplice e raro è il titolo altamente poetico che dà voce all’intera raccolta.

Maria Pina Ciancio

*

Neppure un titolo

Tragica castità vestita di nero
spinge artigli
su corpi bambini.

Infuria la pazzia
del possesso che uccide,
spaccato d’obbedienza coatta.

Orfani di rivolta
tacciono i burattini
del solo dio maschio inventato da maschi.

Non c’erano donne
quando un’allucinazione concepì
senza orgasmo il suo condannato.

Mai più infanzia, mai, muoia nelle sacrestie,
nessun essere si immagini
inchiodato nudo di abbandono.

E fate e incantatrici e primule
tornino a spuntare
nelle aurore rosate degli incavi di donna.

*

Sorridile ancora salice

Imparò a riconoscere l’odore della belva
pronta ad azzannarle l’anima inquieta,
e a decifrare indizi di realtà
e maschere del desiderio fatuo.
Rimestò fango in un acquitrino muto
e prestò occhi alle mani
che avevano pescato fiori di loto.
E pianse quando si accorse che
non era inverno
ad abitarle il cuore.
E così piantò un ramo di biancospino
nel corpo rugoso di un vecchio albero
e attese senza fretta il cambio di musica.
Aveva raffinato i sensi
e colto la sonata dei salici che ridono

Rosa Rivelli, Luna bianca al mattino, Collana di Scritture clandestine, stampa a tiratura limitata e numerata a cura dell’Associazione Culturale LucaniArt, Ottobre 2012

 

Una risposta a “Luna bianca al mattino di Rosa Rivelli

  1. Pingback: Una poesia di Rosa Rivelli | LucaniArt Magazine·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...