L’anima lucana di Vincenzo D’Alessio

Vincenzo DìAlessio, Federico Iacovino

Vincenzo DìAlessio, Federico Iacovino

L’anima lucana.

Castelsaraceno, un paese in provincia di Potenza ha il volto corrucciato di un vecchio contadino, cotto al sole, pieno di forze autentiche rotolate a valle e disperse nei paesi del Nord. Un sorriso pigro che accenna alla saudade, la carezza nell’aria delle ginestre impazzite nel giallo dei fiori profumati, il torrido rossore delle montagne, le ombre altissime dei calanchi. Quanto amo questi luoghi, quelle croci di legno, senza nome, ingiallite all’ombra della memoria contadina che veglia sull’argine delle poche case sottratte alle fiumare. Un’ospitalità antica nel gesto di stringerti la mano.

Mi sveglio mentre nell’aria fresca del Monte Alpi giunge il canto poetico di Teresa Armenti, lucana, intenta a educare i giovani che emigreranno:

 “ Di sera il cielo a Castello /   assume un colore diverso /

    direi quasi turchino /  che diventa celestino /

    tra Castelveglio e Raparo. /  E’ un colore indefinito /

    segna i contorni del monte /  accentua la linea dell’orizzonte. /  ”

Castelveglio e il Raparo sono le montagne che difendono da secoli questa minima valle dove la transumanza si apre verso le sponde joniche di Metaponto. Tratturi antichissimi di sorgenti nascoste, di querce secolari, di faggi giganti. Mi immergo mentre mi rado nello specchio sbiadito nei contorni e il freddo dell’acqua del rubinetto mi sveglia dal tepore del sonno.

Incontro Vincenzo Capodiferro, lucano, filosofo e poeta, alunno di Teresa Armenti che si trattiene per poco prima di riprendere il viaggio verso Varese dove insegna. Ci stringiamo la mano, un caffè ci accompagna: ha il volto sereno, gli occhi puntati al Raparo, il giro veloce di un falco attraversa il nostro sguardo. Ascolto l’anafora del suo cuore pulsante mentre ci muoviamo verso il passo dell’Armizzone:

 “ Ho lasciato il mio paese, /  un gruzzolo di case /

    tremanti di freddo,  /   arse di noia tutto l’anno. /

    Ho lasciato pietra su pietra /  senza calce, embrici /

    abbracciati sui tetti,  / vecchi seduti a contare /

    i giorni del trapasso. /  (…) Ho lasciato che morisse /

   di vecchiaia il mio paese, / vegliardo inchinato /

   al re Raparo da mille anni. / Ho lasciato tutto /

   il suo baratro di silenzio. /  Nella mia lontananza /

   risuona l’eco /  del suo fantasma. / ”

Da questo punto di transito così alto si scorgono tanti cocuzzoli montani, l’invaso del Pertusillo, i luoghi sacri all’Angelo Michele, le mucche podoliche sparse come chiazze bianche.  Avverto il senso dinamico del volo in questo vento forte e naturale, asciutto, che trascina la voce lontano.

 Scendiamo a mangiare da Federico: basso, robusto, mani forti. Ha nipoti che lo aspettano come rondini pronti al volo.

Castelsaraceno, 30 maggio 2015                                     vincenzo d’alessio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...