Mostra di Enrico Paulucci ad Aliano

enrico paulucci

La mostra sarà aperta dal 22 ottobre 2015 al 10 gennaio 2015

Aliano ricorda i tre anniversari del 2015 riguardanti Carlo Levi: l’arrivo ad Aliano (1935), la pubblicazione di Cristo si è fermato a Eboli (1945), la morte (1975). Lo fa attraverso la mostra di uno dei suoi amici più cari, Enrico Paulucci, con il quale condivise studi, viaggi, interessi, idee, progetti, primo fra tutti il “Gruppo dei Sei” e la necessità di parlare di libertà e di Europa in un clima, il clima italiano di allora, in cui l’arte era minacciata da un nazionalismo retorico e da gretti ripiegamenti autarchici.

La mostra nasce da una lettera che Carlo Levi, il 24 dicembre 1935, da Aliano, scrive a Paulucci: “Carissimo Enrico, anzitutto, buon Natale e buon anno! Ti auguro di fare dei bei quadri, e di essere contento. Ho saputo solo oggi della tua esposizione [dicembre 1935] nel Salone della “Stampa”: me lo ha scritto mia madre, e mi ha anche spedito la critica di Marziano Bernardi. La “Gazzetta del Popolo” non ne ha ancora parlato, e per questo io non ne sapevo nulla. Spero tu abbia venduto un mucchio di quadri. Se hai fatto un catalogo, mandamelo, e mandami anche altre critiche che siano uscite su qualche altro giornale; e se hai delle fotografie dei tuoi quadri nuovi, fammele avere, perché vorrei essere al corrente di quello che tu fai di nuovo. Mi interesserebbe molto vedere una fotografia del ritratto che tu hai fatto di Paola [Paola Levi, moglie di Adriano Olivetti, sorella di Natalia Levi Ginzburg], che me ne ha scritto elogiandolo, e dicendomi che, a suo parere, era la miglior cosa di figura che tu avessi fatto; e dei tuoi paesaggi di quest’estate, che mia sorella mi scrive essere migliori di quelli di Roma, più leggeri e ariosi. Ho avuto il Catalogo della Mostra Italiana di Parigi [L’Art Italien des XIX et XX siècles, “Jeu de Paume des Tuileries, Parigi, maggio-luglio 1935”], con i ringraziamenti di Maraini per la mia opera di italianità. Però il Catalogo non mi è piaciuto affatto, e la raccolta delle critiche francesi ancora meno. Vedo che il massimo successo, per quella critica ufficiale, l’hanno avuto Tozzi e Casorati, con cui mi congratulerei, se queste critiche fossero un po’ più serie e competenti: insomma, è il trionfo del neoclassicismo. Tu, mio caro Enrico, se dobbiamo credere a Bernardi, sei invece un neoromantico (che, per fortuna ha abitato a Roma). Quanto a me, che non sono né neoclassico né neoromantico, e che ho la singolare fortuna di vivere nella provincia di Matera, dove queste parole e queste distinzioni estetiche non hanno nessun significato, mi limito a dipingere: ma la solitudine, contrariamente a quello che si crede, non è affatto favorevole alla pittura. Dammi anche notizie delle scenografie e dei costumi teatrali che stai facendo (o forse li hai già finiti?) per Kiki Palmer [Si tratta del Mondo della noiadi G. Pailleron, che la compagnia Palmer porterà in scena nel 1936 con la regia di C. Pavolini], e dimmi quello che dipingono Menzio, Casorati e tutti gli amici pittori. Hai notizie dei nostri quadri dell’esposizione di Londra? Scrivi alla Principessa di Bassiano, e sappimi dire qualcosa. Addio, caro Enrico, scrivimi e ricordati di me. Affettuosamente Carlo”).

Enrico Paulucci nasce a Genova il 13 ottobre 1901.
Nel 1909 la famiglia si trasferisce a Torino. Qui compie i suoi studi e si laurea in scienze economiche e commerciali (1924) e in giurisprudenza (1927). Intanto, nel 1923, aveva esordito con un’opera alla Quadriennale di Torino e alla LXIX Promotrice di Belle Arti di Genova. Tra il 1925 e il 1926 è vicino al gruppo futurista torinese, con il quale partecipa alla Mostra futurista di Torino (1926). Subito dopo entra nell’orbita di Felice Casorati, si avvicina all’ambiente artistico della città animato da Riccardo Gualino e Lionello Venturi, stringe amicizia con Carlo Levi, Gigi Chessa, Francesco Menzio, Alberto Sartoris, Mario Soldati, Edoardo Persico e Luigi Spazzapan.

______________________________________________________

Un volumetto, pubblicato dalle Edizioni della Cometa, conterrà tutte le immagini della mostra, la lettera di Carlo Levi, le notizie biografiche e una intervista di Giuseppe Appella a Enrico Paulucci realizzata nel 1980.
L’inaugurazione avrà il suo momento introduttivo nell’Auditorium Comunale dei Calanchi in Via Rocco Scotellaro, alla presenza delle istituzioni locali, regionali e nazionali.
La mostra sarà accompagnata da immagini, documenti e filmati e da una accurata attività didattica. Rimarrà aperta fino al 10 gennaio 2016 con i seguenti orari: Mattina: dalle ore 10.30 alle ore 12.30, Pomeriggio: dalle ore 15.30 alle ore 18.00. Giornata di chiusura: Lunedi.
Per informazioni: Parco Letterario Carlo Levi, Via Plebiscito, Aliano (MT), Tel. 0835.5658.29

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...