La zona rossa di Francesco Filia

Francesco-Filia-La-zona-rossa

Il filosofo e poeta Francesco Filia ha messo al mondo un altro poema civile che ci giunge con il titolo di: “ La zona rossa”.

Non è il libretto rosso della rivoluzione cinese ma ha tutte le caratteristiche per esercitare sul lettore la sensazione di toccare con mano le stille di sangue versate sulle lastre vulcaniche delle ampie strade della più bella città d’Italia, Napoli.

Eppure l’inganno filosofico teso al lettore, dettato all’autore dall’esercizio continuo delle lezioni, emerge quando nei versi non è più riconoscibile la città partenopea bensì tutte le città del mondo degli uomini dove si esercita il diritto civile alla Libertà personale nell’interesse presente e futuro dei figli.

Nelle piazze c’è l’abbraccio di ogni singolo che diviene comunità nello sforzo energetico di raggiungere “ (…) il filo di luce / amore bellezza furore / (…) che ci ha legati / l’uno negli occhi degli altri per un attimo,  / per quella gioia mozzafiato.” (pag.64). L’agorà ha ancora le caratteristiche delle polis greche nonostante l’oblio del Tempo e il Nostro le coglie sistematicamente: “ (…) C’è una macina che trita i suoi grani / secondo dopo secondo, eone dopo eone / e noi torniamo sempre di nuovo / su quest’identici passi a correre / a urlare a cercare di aprire /  il cerchio imperfetto di queste vite.” (pag.37).

Come tutti i poemi, destinati a seminare nel cuore dei lettori l’amore per l’epistemologia dell’Essere , i versi di Filia raggiungono gli occhi di chi legge attraverso le figure umane , nomi e date di nascita, attori in un corpo avvinti  alla gneosologica degli avvenimenti che sistematicamente ritornano sul palcoscenico dell’umano vivere: “ (…) Memorie / di una nazione morta / diciamo tra noi ridendo / giocando un gioco di ruoli : l’artista,  / il nichilista, l’impegnato, la giornalista / ma ognuno è di meno di più di una / forma rinsecchita. E’ la gloria di una resa. ” (pag.36)

La lezione è tratta dalla “Scienza Nuova” di G.VICO  e il filosofo irpino Aldo MASULLO  nell’introduzione a questo poema la sottolinea: “ (…) Comprendere tutto ciò, avere imparato che l’ideale in quanto necessario, va comunque assunto come guida, indipendentemente dall’impossibilità del suo realizzarsi pieno, è avere maturato nell’umiliazione della sconfitta la propria umanità ben più di quanto si possa nell’esaltazione di una relativa vittoria. ” (pag.8).

Il poeta ha scelto la forma dell’enjambement per rendere fluida e fruibile una materia grondante veramente quel lievito umano che ha bagnato le bandiere di tutti i movimenti popolari: cito per quanto mi è consentito di storicità l’episodio della “ Lega Pellettieri di Solofra” , vermiglia di sangue operaio e di uomini unici come Ferdinando CIANCIULLI , Vincenzo NAPOLI ed Emanuele PAPA, oggi rinchiusa in una bacheca di plexiglass come trofeo  asettico in un salone solitario.

Le grida di quegli operai pellettieri di fine Ottocento, colpiti dai fucili delle guardie del Re inviate dal Prefetto, si sono spente come si sono spente le grida del poema de “ La zona rossa” : “ (…) Sgominati chi cade dispersi arresi le mani / alzate e i pugni in faccia, chi è catturato / e annega nel sangue del proprio viso. ” (pag.45).

 Quanti giovani saranno chiamati ai “ fuochi di questo rito sacrificale” (pag.45) di fronte al “ Celerino assassino” chiamato a compiere il dovere di fermare la marea che vuole superare quell’immaginario filo rosso che divide il Potere Politico Pubblico dei grandi del Pianeta  dai poveri senza nome: “ (…) fratelli a guardia di un ordine, / che voi intravedete dietro le mie spalle, / di cui non so nulla. Io eseguo, a volte / mi piace a volte no.” (pag.47).

Ritornano alla mente i versi civili del grande poeta italiano Pier Paolo PASOLINI, dopo gli scontri violenti tra studenti e polizia avvenuti a Valle Giulia il 16 giugno del 1968: “ (…) Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte / coi poliziotti, /  io simpatizzavo coi poliziotti ! / Perché i poliziotti sono figli di poveri. / Vengono da periferie, contadine o urbane che siano.”

Gli eventi del 17 marzo 2001 che  Francesco Filia ha vissuto di persona nella sua città non sono lontani da quelli vissuti dal poeta Pasolini.

Corsi di una Storia che, volutamente  dimenticata ,si tiene lontana dai libri di scuola ,dalle aule delle Università, dalla memoria collettiva, poiché conoscere è pericoloso in un Paese (così viene definito oggi quello che una volta si definiva Stato) dove: “ Emerge, quindi, chiaro fin da questo momento che ad aggravare gli originari fenomeni di inferiorità economica e di patologia demografica che caratterizzano la costituzione sociale del Mezzogiorno, molto ha contribuito e contribuisce tuttora lo Stato, che, da organo supremo del diritto, da fonte precipua ed unica di eticità, si trasforma in Italia in organo del privilegio, in fonte continua e perseverante dell’ingiustizia. ” (Guido DORSO: “ La rivoluzione meridionale ” ( Piero Gobetti Editore Torino 1925).

  Il poema vive di luce propria , di  similitudini, sinestesie, inglesismi e una celata parte narrativa del proprio quotidiano: “ Ascoltando qualche volta il walkman / camminando tra bancarelle e clacson / in una via Foria infinita andando / verso un silenzio, un liceo, un destino.” (pag.51) e altrove: “ (…) E allora questo costruire un futuro di libri / e ordinaria amministrazione il ripetersi / di un domani che non mi appartiene ? ” (pag.20).

 Sono molteplici gli stimoli che giungono dalla lettura  magmatica dei corpi poetici che in qualche chiusa conservano la rima sonora e la liricità della serena poesia non piegata dalla necessità della Storia : “ Il sole dietro i tetti l’incendio / del tramonto irraggia il cielo / il lento mutarsi della luce nel cortile / l’ombra che avanza divorando / le pareti centimetro dopo / centimetro. ” (pag.58).

 La figura paterna, cara al poeta,  emerge forte nel racconto attraverso l’uscita di uno dei protagonisti dalla piazza,  mentre si placa il rosso della tragedia che continua nel chiuso delle Caserme del Potere : “ (…) e vedi il tuo viso di allora / nello sguardo smarrito di un ragazzo / che chiede aiuto. Ora la cura silenziosa / di un padre ti appartiene per un attimo / senza parole, ma con gesti minimi d’amore / ” (pag.51) e ritorna ancora nei ringraziamenti a pag.67 : “ Ringrazio mio padre che mi ha affiancato nel lavoro di rilettura e rielaborazione di questo libro; ” .

 Francesco FILIA, “La zona rossa”, Il Laboratorio Edizioni, 2015

Montoro, 20 aprile 2016                                     vincenzo d’alessio

Una risposta a “La zona rossa di Francesco Filia

  1. Pingback: POESIA DOMANI N. 99 | Il fruscio secco della luce·

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...