I novant’anni di Alfredo Grassi

alfredo grasso

  Alfredo GRASSI, nasce a Napoli il 26 settembre 1927, il padre Giovanni e la madre Giovanna Prisco, primogenito di cinque fratelli e due sorelle. Frequenta l’Istituto Magistrale di Napoli durante gli anni inquieti dell’ultimo conflitto mondiale rendendosi artefice di episodi di eroismo passati nella sua storia personale: gli episodi di vita vissuta e la musicalità dei vicoli napoletani resteranno per sempre nelle sue opere.

  Nell’agosto del 1954 sposa Concetta Santoro a Pompei e dal matrimonio nasceranno cinque figli. In questo stesso anno vince il concorso di abilitazione all’insegnamento a Casalnuovo di Napoli dove rimane fino al 1963.

 Nello 1963 viene trasferito a Solofra (AV) dove insegna nelle scuole elementari di via Consolazione, successivamente alla frazione Aterrana di Montoro(AV). Poi di nuovo a Solofra nel 1969 fino al 1974 quando vince il concorso a Direttore Didattico e viene inviato a Sondalo (SO).

  Nel 1978 torna a Scafati (SA) e nel 1982 è a Mercato San Severino(SA) dove rimane fino al 1984, anno della sua morte.

  Vive con la famiglia la terribile esperienza del sisma del 23 novembre 1980 lasciando la casa e vivendo diversi anni in una roulotte.

  La sua sincera passione per la Scuola lo ha visto protagonista di tantissime recite, rappresentazioni poetiche, sceneggiate in dialetto napoletano.

  Come poeta per tutti aveva un cuore sincero, una musicalità nei versi che porta alla mente la poetica di Salvatore Di Giacomo.

  La sua esperienza terrena, vissuta intensamente, vibra intatta dal gelo del silenzio dell’avello nel calore dei versi che proponiamo ai lettori:

  Se dice che ca l’autunno

  è triste e senza sole,

  ‘O dice tutt’ ‘o munno…

  ‘I penso a ‘sti parole

Ma guardo po’ ‘na foglia

primmo co ‘o viento ‘a sperde;

quanta culure piglia:

‘o russo ‘o giallo ‘o verde!

‘O sole è sempe tunno

‘A luna ‘a veco là…

pecché proprio l’autunno

s’avesse a disprezzà?

A me piace l’autunno

e vuò sapé pecché?

Pecché proprio d’autunno

‘i canuscette a tte!

 

“Vanità. ”

Nu suvero ‘e butteglia,

ca steva int’’a munnezza,

dicette: “Che marmaglia!

Gesù, ma che schifezza!

So nato titolato,

ma pe’ disgrazia mia,

na mano m’ha jettato

dint’’a sta purcaria! ”

“Ma nun ce fa ridere

Astipete sta gloria! ”

Strillaje nu bicchiere

ca cunusceva ‘a storia.

“ Pur’’io songo ‘e cristallo,

e quante e quante sere

so stato ‘e feste ‘e ballo,

c’’a luce d’’o lampiere…

E pe’ disgrazia mia,

cadette malamente…

E mo sto miez’’a via,

scassato e puzzulente! ”

‘A capa ‘e na pupata,

‘a corda ‘e nu viulino,

na lettera stracciata,

e pure nu cerino…

se mettettero a cuntà,

ognuno pe’ na via,

chello ch’’è vanità,

ch’è tutto fantasia!

‘O camio d’’a munnezza

Passaje int’’e primm’’ore…

“ Gesù, ma che schifezza! ”

dicette ‘o scupatore…

 

Settembre, 2017                             Gruppo Culturale “ F.Guarini”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...