Emilia Dente: “ Terra mia” – Youcanprint Self-Publishing –Tricase (LE) – 2018

Untitled  Emilia Dente, nata in Svizzera, rientrata giovanissima in Italia ha sempre custodito una profonda passione per la città di Montefusco (AV), luogo d’origine dei  genitori.

 Scrittrice e poetessa ha realizzato nel corso degli anni manifestazioni culturali di livello nazionale, tese a valorizzare la città dove vive, accogliendo poeti, scrittori, musicisti ed editori: tra questi Alessandro Ramberti fondatore della Casa Editrice Fara di Rimini, che l’ha scelta a far parte delle Giurie dei Premi Letterari banditi annualmente dalla Casa Editrice Fara.

 Dopo la laurea si è prodigata con diversi incontri nelle scuole statali della città per riportare all’antico splendore i monumenti cittadini: pregevoli per la lunga storia di protagonista avuta quale “Capoluogo del Principato Ultra.”

 L’opuscolo che ha realizzato a proprie spese reca il titolo: “ Terra mia” (Youcanprint, 2018) ed  ha come sottotitolo: “Gli itinerari, i monumenti e i tesori nascosti, la Storia e le storie di Montefusco, antico capoluogo del Principato Ultra. Settanta pagine, riccamente corredate da foto a colori, invitano il lettore a percorrere, attraverso  nove itinerari, la bellissima storia dell’antico capoluogo a partire dalle origini normanno/ sveve fino alle soglie del XXI secolo:

1° itinerario: In cammino con il notaio Raguccio, 2° I misteri dell’antico Carcere 3° Sui sentieri di Dio 4° La via delle croci 5° Sul filo della memoria 6° L’Arte perduta 7° All’ombra delle storia 8° Sulle orme di San Pio 9° Verde natura.

 Un racconto avvincente che svela segreti celati per secoli accompagnano il visitatore lungo un percorso intriso di potentati, alternatisi sul territorio, di tradizioni  che la popolazione locale ha conservato nei manufatti: in primis l’Arte del Tombolo (attiva anche oggi), poi le Arti perdute dei ceramisti e faenzari (arte di trattare i manufatti ceramici con diverse tecniche di lavorazione): ci sono luoghi abitati dove la quiete è figlia del grande passato.

 Più d’ogni altro monumento spicca il “ carcere borbonico” , ricavato nei sotterranei dell’antico castello svevo, protagonista  dei dolorosi moti per l’Unità d’Italia quale  Bagno Penale di prima classe, dove nel 1852 furono deportati uomini eccellenti quali Carlo POERIO, già Ministro dell’Istruzione del Regno Borbonico, e Michele PIRONTI, giurista e politico.

 Emilia Dente, nel corso degli anni ha svolto con professionalità e passione il ruolo di guida al Carcere Borbonico ( Monumento Nazionale ), sua la brochure sul sito realizzata negli anni Novanta *, accogliendo studiosi e turisti provenienti da gran parte d’Italia in visita all’importante sito, ha allestito anche una mostra permanente di documenti sull’Arte del Tombolo e animato dibattiti.

  L’opuscolo non è un vademecum da conservare nello scaffale, bensì una valida guida turistica del grande patrimonio monumentale, storico e di tradizioni da utilizzare mentre si è in giro per la città. Uno “ spiraglio di luce”, come scrive l’Autrice nell’introduzione, che attraversa le vetrate antiche della cittadella altomedioevale di Montefusco risvegliandola.

 Nell’introduzione Emilia Dente descrive al lettore le energie che hanno mosso la sua passione nel realizzare questo opuscolo: “ (…) vuole essere questo mio modesto lavoro, il respiro faticoso e libero di chi, soffocata dal silenzio, in silenzio non vuole restare e vuole condividere la bellezza di una terra – la mia terra – scrigno di storia e cultura.”

 Di fronte a questa dichiarazione non possiamo che crederle poiché ha scelto come suo fiore prediletto “il tarassaco”: tenace e dorato che si nutre di sole.

 Aprile, 2018                                             vincenzo d’alessio

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...