Notturno di Amedeo Anelli

Cattura

Lido Bettarini, Notturno (1979)

Notturno
La neve turbina
nel buio.
E’ un ticchettio
che accarezza
le foglie.

Un bianco
che non illumina,
solo l’accoglie
dall’alto
una luce di lampione.

Ma il mondo terribile
è quaggiù
poltiglia e gelo
e sordo rumore
di un ramo
che si spezza.

Sotto il peso
la terra risponde

soffice neve
brezza e sotto ghiaccio.

Non tornerà più!

Un brivido corre
lungo la schiena.

Non tornerà più!

Ma la pena ci soccorre
costante raggio

sotto un faggio
spunta un ciuffo d’erba nera.

(una poesia tratta da Neve pensata di Amedeo Anelli, Mursia 2017)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...