Giungere al finale di Marina Minet

usgs-FGKiJElG-QI-unsplash

In certi istanti, dov’è la sola umanità
a renderci chi siamo
diamo il congedo a tempi lontani
devoti al nostro sangue
e a tutto ciò che resta nel mistero.
Cosa sappiamo dell’innocenza
del corpo arreso sotto la daga
guardando le piaghe degli altri
come rivoli di pioggia noi perforiamo i sassi
prima che la pena sia compiuta
e che la mano tenda il suo conforto.

Sotto il passo le strade sono sorde
scorrono difese mentre il colpo incede, fugaci
come le nubi che partono di sera
quando ciò che è perso non è che una condanna
scritta dalle mani che più amiamo.
Ma gli occhi sono giare nel dolore
si colmano d’amaro fino a traboccare
e ciò che ci soccorre è solo una preghiera:
il canto più agguerrito della croce.

Quanto vorrei che il tempo non sfinisse
che un pianto fosse più di una parola
che il vento nel soffiare curasse le mancanze
portandole a un rimedio
che il rosso delle guancie sia simile a una gioia
per regalarla a chi non la comprende
e a chi l’ha allontanata dalla schiena.

Care mi sono le bestie da spavento
e i passeri d’inverno feriti sotto i tetti
perché anche loro sperano l’elisio
gli arbusti cavi e i tubi delle fonti
che mi hanno dissetato
sorelle le ragioni di buone verità
fratelli tutti i cuori
e i semi che sfioriti concimano la terra
dolci e sacre madri tutte le pazienze
ora che aspetto non so cosa
donando ogni perdono
e sento il mio respiro quasi fosse un’ombra
un volo spalancato sulla cima, giungere al finale.

A mia Madre

(5 marzo 2021)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...