chi siamo

L’Associazione Culturale LucaniArt ONLUS persegue (in sintesi) i seguenti scopi: promuovere e divulgare sul territorio regionale e nazionale l’arte, la letteratura e la cultura lucana, mirando soprattutto alla valorizzazione e alla diffusione delle opere dei giovani talenti nel campo della poesia, del romanzo, dell’arte pittorica e fotografica.

L’Associazione LucaniArt per il raggiungimento dei suoi fini, intende promuovere attività culturali, di formazione ed editoriali, anche attraverso lo scambio comunicativo con Associazioni del Nord e del Centro Italia, nonché con le associazioni dei lucani nel mondo.

LucaniArt Magazine è un progetto dell’Associazione LucaniArt ONLUS, che è responsabile della gestione di questo spazio web. Il Magazine nasce nel dicembre del 2007, da un’idea di Maria Pina Ciancio, che rivede la struttura del vecchio blog “LucaniArt”, nato nel marzo del 2006 dall’incontro, dalla condivisione, dalla passione per la letteratuta e l’arte di un gruppo di amici lucani e non.

I soci dell’Associazione Culturale sono: Maria Pina Ciancio (Presidente), Teresa Anna Biccai (vice-presidente), Rocco Mario Grieco, Vincenzo Corraro, Teresa Armenti, Maria Luigia Iannotti, Gennaro Grieco, Raffaele Grimaldi, Antono Nicastro, Rosario Castronuovo, Fabio Antonio Falcone,  Santina Scaldaferri, Rocco Perrone, Francesca Zito, Claudia Ciancio, Giuseppe Torre, Rosa Salvia, Antonio Avenoso, Giampiero D’Ecclesiis, Lucio Zinna, Pierino Gallo, Vito Viglioglia, Francesca Santucci, Rosa Piro, Valerio Cascini, Mauro Savino, Marilea Laviola, Giuseppina Di Leo, Francesco Federico, Antonio Bicchierri, Meth Sambiase, Eleonora Bellini, Gabriella Gianfelici.

Collaborano inoltre con i loro scritti: Mariano Lizzadro, Vincenzo D’Alessio,

*

Chi volesse iscriversi all’Associazione LucaniArt come socio, per condividerne scopi e finalità, può scriverci e riceverà indicazioni sulle modalità di adesione.

Condizioni per iscriversi all’Associazione:

  • SOCIO ORDINARIO: euro 15,00 (oltre alla registrazione, alla possibilità di fruire dello spazio web del blog, dà diritto all’omaggio di una delle nostre pubblicazioni)
  • SOCIO SOSTENITORE: contributo libero (oltre alla registrazione, alla possibilità di fruire dello spazio web e di quello cartaceo (attravero inserimeno in antologie o monogafie), dà diritto all’omaggio di una delle nostre pubblicazioni).

________________

• Per una buona visualizzazione del blog, si consiglia di utilizzare una versione non inferiore all’Explorer 7.

17 risposte a “chi siamo

  1. sono lucano dal 1951 da Castelsaraceno. Al seguito della grande migrazione dei primi anni 60 sono approdato a Torino dove vivo e lavoro.
    Non posso che complimentarmi con il vostro sito e la vostra associazione che ho recentemente scoperto nella mia incerta navigazione su internet.
    Un bel coro di tante voci. Complimenti

    Salutandovi con stima e affetto non posso esimermi di farlo con due righe
    Una dedica a Peppino Impastato un poeta un giornalista trucidato dalla mafia di cui ricorre il trentennale.

    P’ppino , a v’rità

    S’anu pahata ca vita a verità.
    Stravisate li carne cu tritolo
    nun c’anu pututo cu l’ parole.
    Pesand’ o legge a l’aria vola, vola,
    pigliate pì mane nun so’ rumeste sole.
    Strende t’anu fatta cumbagnia
    nda vertà ca s’ facia a via.

    Muro d’ombra

    Del muro il secco
    sudore e pianto tiene
    scomposta l’ombra
    dispersa al tempo cede.

    Mosca con doppio finale

    M’ so’ arrepato nu poco sop’u letto
    e c’è na mosca ca vai pinnino petto.
    Zszs zszs face u sopa ca sotta,
    vene u stindo i l’ ra nu bello cazzotto.
    Vai para para, sembra c’u face a dispetto

    s’ me vota u scemo l’ rao na bella
    pumbata cu flit e c’arrecetto

    oppure

    ma li mosche che ne sanno ru letto
    cu na tuvaglia i faccia è meglio
    sa paro e po’ m’arricetto

    Il nostro paesano anche con la mosca si trova ad un bivio e la scelta non è di poco conto. Aiutatelo.

    Ancora saluti. Valerio Cascini
    valcas@katamail.com

    Mi piace

  2. Sono sorpresa e ocntenta di ritrovarti anche su Lucani Art. Le tue belle poesie dialettali, che ci riportano alla seconda metà degli anni ’50, arricchiscono ogni mese il periodico di Castelsaraceno. Valerio, Anche se abiti a Torino, sei proprio un “casteddano” doc. Tu hai attenzione per tutti, soprattutto per chi ha sofferto e per chi é morto per difendere la libertà e far venire alla luce la verità, come il giornalista Peppino Impastato che hai voluto ricordare in vernacolo.
    Spero di incontrarti questa estate a Castello
    Teresa Armenti

    Mi piace

  3. Cara Teresa,
    grazie per le tue belle parole e grazie soprattutto per l’abbuono della prima metà degli anni 50.
    Un caro saluto a tutti voi
    valerio

    Mi piace

  4. Avrei bisogno di contattare qualcuno della vostra associazione per rivolgere invito ad intervenire domenica 14 settembre p.v., a Pietragalla, in un convegno dal titolo “La Basilicata terra di qualità”.
    Grazie.

    Mi piace

  5. Sono contento che nel vostro sito, parlando della canzone popolare lucana, vi siete ricordati di me. Un grazie va anche a Lotierzo che stimo ma che non vedo da tempo.Io vado in giro con un recital dal titolo “Cant’,canzone e cunt'” se andate su http://www.pietrobasentini.it ne saprete di più.
    Complimenti per quanto fate, per l’impegno e per il progetto.Comunque un grazie.

    Mi piace

  6. ciao mio nono erai nicola maria filizzola ferraiuoli cerco famiglia en rivello italia
    sul padres eran biagio filizzola e anna maria ferraiuoli
    voglio sabere dove comprar el libro del palazzo filizzola excusa mi italinao no perlo italiano grazie

    Mi piace

    • Hola soy Betty Carbonell Cabana casada con Alfonso Polo Felizzola y deseo saber quienes era los bis abuelos de mi esposo estoy haciendo la genealogía por una prima de mi esposo se que se llama el papa de mi suegra Nicola Maria Filizzola Ferrauioli y Maria Pereira pero necesito saber las fechas ya sea de muerte o nacimiento de sus padre si sabes algo búscame en Facebook Betty Maritza Carbonell Cabana

      Mi piace

  7. vi seguo da un pò, apprezzando le vostre proposte, davvero! ho giusto sfiorato mariapina in luoghi virtuali comunemente visitati, senza mai dire quanto gradisca questa vostra creatura! può sembrare lontana da me, pietruzza ancorata su suolo sardo…ma ricordo bene l’esperienza di Marco Diana in paesedombre e di quanto sia stato dura per lui chiudere un suo vissuto, diventato, anche se per poco mio…e di tanti.
    c’è un sunto? no, solo un augurio sincero di buon lavoro!!
    antonia piredda, api.

    Mi piace

  8. Che sorpresa e che Gioia avervi incontrato! Mia figlia Vanina è rientrata dalla Lucania. Tornata da Rionero in Vulture ha chiesto a me di trovare il libro “Vito ballava con le streghe” conoscendo il mio amore per questa terra e per i suoi poeti. I ricordi sono andati indietro nel tempo alla mia prima telefonata all’ Editore Avagliano per avere alcuni testi su Sinisgalli e alle sue domande inerenti una mia nascita in Basilicata. Gli risposi che ero nato a Napoli ma mi sentii un poco lucano. Oggi mi occupo della Biblioteca Lermontov che raccoglie testi in italiano e russo sulla Russia e la disciolta Unione Sovietica. Nel corpo della biblioteca c’è un angolo segreto dedicato a Sinisgalli, Scotellaro e alla Lucania! Mi è caro, di Sinisgalli, Dimenticatoio che dovrebbe essere l’ ultimo libro di poesie pubblicate e questa poesia che rileggo sempre. Anche se a Milano, lontano dalla sua terra, il canto alto delle sue radici ci lascia dentro una San Babila non più città ma terra di campi in fiore.

    SAN BABILA

    Trascina il vento della sera
    Attaccate agli ombrelli a colori
    Le piccole fioraie
    Che strillano gaie nelle maglie.
    Come rondini alle grondaie
    Resteranno sospese nell’aria
    Le venditrici di dalie
    Ora che il vento della sera
    Gonfia gli ombrelli a mongolfiera.

    Mi piace

  9. bellissimo scoprire e capire la lucania. anche solo una fetta di essa. amo questa terra anche se mi ha portato più dolori che gioie. forse perchè ne sento l’anima calda e tranquilla che vive sotto un manto duro e calancoso, frutto della rabbia e dei raggiri. siamo un popolo di buoni che mostra un’anima inquieta. ma che solo convincendone, tornerà a risplendere come merita. Mimmo FAVALE.

    Mi piace

  10. mi permetto di segnalare a codesta redazione la totale assenza del più grande poeta lucano (vivente) nel vostro sito, un tale giuseppe pedota. credo sia opportuno che corriate ai ripari. cordiali saluti – complimenti comunque per il vostro lavoro

    Mi piace

  11. Sono contenta di aver incontrato per caso questo vostro sito.
    Anch’io sono lucana, molto innammorata della Lucania e ci ritorno quasi ogni anno.
    Vivo a Torino e mi occupo di Yoga, Ricerca Olistica e Arti Teatrali
    attraverso il Centro Daiva Jyoti, potete visitare il sito: http://www.daivajyoti.it.
    Sarei lieta di poter mantenere con voi un contatto.
    Vi saluto caramente, Tania

    Mi piace

  12. Navigando fra le onde del web mi sono piacevolmente incagliato in questo bel blog.

    Scrivo per passione con lo pseudonimo di Josè Pascal (figlio del fù Mattia Pascal e Ederì Buendìa discendente del grande colonnello Aureliano Buendía).

    Vi invito a visitare la mia scatola ed eventualmente collaborare.

    Se un giorno vorrete una lettera mi invierete a inparolesemplici@gmail.com

    buona vita e a presto spero

    Mi piace

  13. Pingback: Intervista a Maria Pina Ciancio | migranzeletterarie·

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...