Il rinnegato di Giuseppe Brancale

ilrinneg“Egregio Signore, conosciamo il male che grava su Migalli. Lo saneremo non appena avremo un pò di fondi”
Così erano passati i secoli.

L’unità d’Italia vista con gli occhi di Giuseppe Prestone, garibaldino e sognatore. Da Migalli, paese lucano di settemila anime, egli tenta la fortuna con la moglie in Argentina, adotta il piccolo orfano Antonio Bonturino e, dopo la morte della consorte, torna al paese natale, “dove l’Africa gli pare più vicina che Roma”. Spesso in carcere per i suoi tentativi di risvegliare i compaesani dall’oppressione, riuscirà nonostante le delusioni a non perdere la dimensione del sogno e a trasmetterla misteriosamente agli altri. Tra ironia e tragedie, Migalli attende.
L’autore presenta il periodo storico dell’Unità di Italia (1861) con tutte le sue contraddizioni e difficoltà, ma soprattutto il quadro sociale di quel Sud unito a un Nord totalmente differente da cui subisce più angherie che benefici. Alla morte di Cavour, la Destra comincia a combattere fortemente il brigantaggio senza curarsi di affrontare la sua causa di fondo, cioè la disperata ribellione di popolazioni contadine contro uno Stato che si distingue dal precedente soltanto per una maggiore pressione fiscale e l’obbligo della leva militare.
In appendice il saggio La questione meridionale di Giuseppe Brancale.

Con Il rinnegato, la casa editrice Polistampa di Firenze ha avviato la pubblicazione del progetto “Giuseppe Brancale. Opere complete” che prevede l’uscita, entro il 2010, di tutta l’opera dello scrittore. Quattro sono i romanzi scritti da Brancale, due editi ma ormai introvabili e due inediti, oltre ad alcuni racconti tutti ambientati in Basilicata nella Valle dell’Agri, e a un saggio sulla questione meridionale. I lavori lasciati da Brancale coprono le vicende di due secoli, l’Otto e il Novecento, con una puntata nell’età imperiale romana in Echi nella valle, pubblicato nel 1972 e vincitore del Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Per questo libro fu il pittore Carlo Levi a disegnare il bozzetto di copertina. Al 1977 risale invece la pubblicazione del romanzo Lettere a Michele, dedicato al medico Michele Di Gese, che rappresenta il testamento spirituale dello scrittore. Inediti fino al 2007 i romanzi Il rinnegato e Fantasmi che tornano, oltre a una serie di racconti che formeranno un volume unico insieme a Lettere a Michele.

Marinaio e insegnante, Giuseppe Brancale (Sant’Arcangelo, 1925 – Firenze 1979) è stato uno scrittore della rinascita del Sud nel secondo dopoguerra. Trasferitosi a Firenze, vi svolse la professione di insegnante alle scuole “Giuseppe Garibaldi” e “Lorenzo Il Magnifico. Autore di Echi nella valle (Cosenza, 1972), per il quale Carlo Levi realizzò il bozzeto di copertina, e Lettere a Michele (Firenze, 1977), ha lasciato inediti due romanzi e diversi racconti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...